Ecco perché nella NBA di oggi ci sono soldi per tutti!

A cura di Claudio Limardi “comunication manager EA7 Milano

Mike Conley ha firmato quest’anno il contratto più alto nella storia del basket NBA. 153 milioni di dollari in cinque anni per giocare a Memphis. Può sembrare una follia ma non lo è necessariamente: Conley è una bandiera e Memphis non è una destinazione per i free-agent. I Grizzlies i giocatori come Conley devono tenerli e pagarli di conseguenza. Non sono rimpiazzabili. Solo San Antonio – tra i club espressi da mercati piccoli – è riuscita dopo anni di vittorie ad avere un certo successo tra i free-agent. Ovviamente il contratto di Conley impressiona in un senso ma questa estate ha destato scalpore per molti altri contratti. Qualcuno? Allen Crabbe è rimasto a Portland per 75 milioni in quattro anni: i Blazers hanno pareggiato l’offerta dei Brooklyn Nets. Crabbe lo scorso anno ha segnato 10.3 punti a partita, dalla panchina. Evan Fournier, francese, ha esteso con Orlando per 85 milioni in cinque anni. Ha 23 anni e segnava 15.4 punti di media l’anno scorso. Il suo connazionale Nicolas Batum ha firmato per il massimo salariale a Charlotte: 120 milioni in cinque anni. Potrei andare avanti per molto alto toccando l’apice con i 64 milioni in quattro anni che Timofey Mozgov, virtualmente inutilizzato da Cleveland in Finale. Prenderà dai Los Angeles Lakers. Il club che ha avuto come centri George Mikan, Wilt Chamberlain, Kareem Abdul-Jabbar e Shaquille O’Neal, praticamente quattro dei primi cinque o sei della storia (gli altri: Bill Russell e Hakeem Olajuwon), paga 18 milioni all’anno Mozgov. La cascata di soldi sui free-agents è stata senza precedenti e praticamente imprevedibile all’epoca della stesura del contratto collettivo attualmente in corso. Tutte e due le parti hanno la facoltà di uscire dall’accordo e ritrattare alcuni aspetti. Il commissioner Adam Silver dopo l’approdo di Kevin Durant a Golden State ha ammesso di non essere un tifoso dei superteams. L’obiettivo, il sogno irraggiungibile ma da perseguire comunque, è quello di avere una NBA equilibrata in cui tutte le squadre possano avere la chance di vincere, ovviamente non su base annua ma con un po’ di programmazione, fortuna e abilità.Nessuno poteva prevedere che gli introiti della Lega, quelli che generano le tre cifre chiave, aumentassero in modo così drastico. Le cifre chiave sono il salary cap, la “luxury threshold” e il “salary floor”. Per capire perché si è arrivati a strapagare certi giocatori (Tyler Johnson: 50 milioni in quattro anni per restare a Miami) bisogna capire cos’è il “salary floor”. Si tratta in sostanza del minimo budget destinato ai giocatori che ogni squadra deve spendere per restare dentro i regolamenti. Questo minimo è stato fissato al 90% del salary cap. Nel momento in cui il “cap” è schizzato da 70 a 94 milioni in un solo anno, le squadre si sono trovate con una montagna di soldi da spendere ma gli stessi giocatori. Il “Floor” ha senso: serve ad evitare che una squadra risparmi oltre il lecito aspettando tempi migliori. Se non hai la possibilità di vincere o fare i playoffs, la cosa migliore da fare sarebbe tenere al minimo possibile il monte salari. Le norme lo impediscono: nel 2016/17 qualunque ambizione tu abbia, devi pagare almeno 84 milioni di dollari ai tuoi giocatori. Ecco dove nascono i 38 in quattro anni di Matthew Della Vedova a Milwaukee. Uno come come Alex Abrines, buonissimo giocatore del Barcellona, prenderà 17 milioni in tre anni a Oklahoma City. Perso Kevin Durant, i Thunder sono passati da un monte salari in zona “lusso” (quindi con tasse salate da pagare) ad una situazione perfino troppo “facile”. Senza questa impennata del cap quei soldi non ci sarebbero mai stati. E qui nasce il grande difetto di un sistema in cui Al Horford guadagna quanto Kevin Durant, in cui Chandler Parsons e Harrison Barnes guadagneranno 22 milioni la prossima stagione, 22 giocatori  sono oltre i 20 milioni annui e cinquanta oltre i 15. Il problema non è il monte salari – che la NBA può permettersi – ma la distribuzione della ricchezza. Tutto nasce dal salario massimo per giocatore che nel caso più estremo rappresenta il 30% del salary cap. Nel momento in cui i migliori non possono guadagnare più di una cifra stabilita ma esiste un monte salari minimo è chiaro che la tendenza è quella di appiattire le differenze strapagando i giocatori della classe media e bassa.Una delle grandi crisi degli anni ’90 della NBA fu determinata dall’esplosione dei salari dei rookies che guadagnavano cifre altissime senza aver dimostrato nulla. Quando l’Associazione Giocatori accettò i salari prefissati, il problema venne risolto. Ora se ne è generato un altro.La via di uscita sarebbe quella di stabilire un salario speciale per un giocatore singolo per franchigia. Silver sarebbe d’accordo: i “superteams” sarebbero possibili ma solo nel momento in cui delle tre o quattro star come quelle dei Warriors solo una prenderebbe una cifra esorbitante mentre gli altri dovrebbero adattarsi alle regole attuali. Sarebbe un sistema più americano, pagare le stelle per quello che valgono i vari LeBron James, Stephen Curry, Kevin Durant (oops, gioca nella stessa squadra di Curry), Damiel Lillard, James Harden. Attualmente i soldi che non vanno a loro, vanno in misura eccessive alle mezze stelle (Ryan Anderson: 80 milioni in quattro anni a Houston) o addirittura finiscono in tasche mediocri per rispettare semplicemente l’obbligo di pagare i giocatori abbastanza. Ma per introdurre questa regola occorre modificare il contratto collettivo più di quanto si pensi, occorre convincere coloro che non sono stelle a rinunciare ad un sistema che li premia. E le “non stelle” sono la maggioranza.

LA CLASSIFICA DEI SALARI 2016/17

Le cifre sono espresse in milioni di dollari.

Giocatore Salario Squadra
1 Mike Conley 30.600 Memphis
2 James Harden 26.540 Houston
2 Kevin Durant 26.540 Golden State
2 Al Horford 26.540 Boston
5 Carmelo Anthony 24.559 New York
6 Chris Bosh 23.741 Miami
7 Dwyane Wade 23.200 Chicago
8 Dwight Howard 23.180 Atlanta
9 Chris Paul 22.868 Clippers
10 Chandler Parsons 22.200 Memphis
Precedente Dallas Mavericks @ Los Angeles Lakers: analisi e recap. Successivo Sidigas Avellino – Grissin Bon: il pagellone di Bondi