Dolomiti Energia Trentino – Grissin Bon: il pagellone di Bondi

lesic

Cala il poker la Grissin Bon che torna corsara dalla trasferta di Trento dopo una partita bella e sofferta. I biancorossi sbancano il PalaTrento (80 – 84) restando aggrappati ad un match che sembrava sfuggirgli dalle mani all’inizio dell’ultimo quarto quando un super Aradori è salito in cattedra prendendola per mano e trascinandola al successo finale. Ancora una grande prova per Riccardo Cervi incontenibile sotto le plance. Doppia cifra a referto anche per Della Valle, Needham e Lesic. La Menetti-band si consolida al secondo posto in classifica in compagnia di Avellino e dietro alla sola Milano. Ma vediamo nel dettaglio le prestazioni dei reggiani:

#4 Pietro Aradori

Strepitoso. Quest’estate ci si chiedeva chi sarebbe potuto essere il leader biancorosso. Il cagnaccio ha voluto le chiavi della squadra e la scelta paga già ottimi dividendi. Partita “monstre” al tiro dove scrive 26 con 13 tiri. Play occulto con 6 assist. Miglior rimbalzista a quota 7. 35 di valutazione. Si sente il volante in mano e fa sempre la scelta giusta al momento giusto. X factor.

Voto 8,5

 

#5 Derek Needham

Ogni tanto va fuori giri ma aggiunge ai soliti quintali di sudore spremuti in difesa una buon indole offensiva dove va ancora in doppia cifra. Prezioso.

Voto 6,5

 

#6 Achille Polonara

Soffre in termini di fiducia per aver perso il quintetto e si vede. Però quando la partita si decide anche stasera non a caso è sul parquet. Pochi fuochi d’artificio ma tanta sostanza e 6 rimbalzi.

Voto 6,5

 

#7 Delroy James

Male. Stasera perde anche lo sprint iniziale che lo aveva parzialmente salvato nelle puntate precedenti. 17 minuti troppo anonimi che rischiano di diventare un lusso.

Voto 5

 

#8 Amedeo Della Valle

Ci mette un paio di quarti per carburare poi entra nella corrida con una striscia di 7 punti in un amen. Non nella miglior serata stagionale al tiro ma comunque in doppia cifra e questo fa capire che oramai gioca da veterano. A 23 anni…

Voto 7

#9 Andrea De Nicolao

Parte sbandando ed è subito in difficoltà ma è bravo a non perdersi d’animo. Resta lì con la testa e senza strafare fa girare il giocattolino meritandosi il rush finale alla guida dove mette anche un libero pesante. Bravo.

Voto 6

 

#10 Federico Bonacini

Minuti preziosi da gregario.

Voto Sv

 

#12 Arturs Strautins

Voto Sv

 

#14 Riccardo Cervi

Se è un sogno non svegliateci. Primo ventello della carriera in serie A. Ma soprattutto re indiscusso del pitturato. Nel primo tempo è la spina dorsale biancorossa e imbuca a ripetizione finalizzando al meglio la manovra offensiva reggiana che lo cerca sistematicamente e lui ricambia inserendo sempre la monetina nel jukebox. Il rimbalzo “di voglia” e i due liberi che chiudono la contesa sono il simbolo della vittoria. Signore degli anelli. Bravissimo.

Voto 8

#15 Sava Lesic

L’orsacchiotto biancorosso piazza zampate decisive ritagliandosi un ruolo da gregario di lusso e andando in doppia cifra in soli 14 minuti sul parquet. Fondamentale la tripla nel momento di massima difficoltà che ricuce il gap e dà il la al gran finale.

Voto 7

Precedente Dallas Mavericks vs Houston Rockets: analisi e recap Successivo Una bomba di Matthews illude Dallas che si arrende all'ultimo libero di Harden