Dallas [email protected] Jazz: analisi e recap

Non ne vogliono proprio sapere in Texas di portare a casa la prima vittoria della stagione 2016-2017, e anche stavolta l’appuntamento è rimandato alla prossima partita, in casa dopodomani con i Blazers. Infatti a Salt Lake City, Dallas cade ancora 81-97 dopo una partita giocata veramente male. Sin dall’inizio infatti sono mancate la grinta e l’aggressività e dopo essere stati sotto anche di 5 lunghezze nel primo quarto, termina 14-15 in favore della squadra di casa. Il secondo quarto si apre con un canestro di Curry ma da lì in poi, veramente poche idee e molti tiri sbagliati: triple aperte sbagliate da Nowitzki (0-5 da 3 con 4-14 totale, 9 punti con 5 rimbalzi alla fine) e il primo tempo che termina 41-33. Il secondo tempo non inizia in maniera migliore rispetto a come era finito il secondo e Dallas va sotto anche 44-64 con una tripla di Hood (22 punti con 9-16 al tiro e 2-4 da 3). Dopo il time-out però c’è una grande reazione degli uomini di Carlisle che con due schiacciate e un appoggio di Powell, una tripla e un libero di Matthews, un canestro di Barnes e la tripla a fine quarto di Williams, fissano il punteggio sul 59-66. Rimonta che continua nel quarto quarto dove con un canestro di Curry e uno di Barea si arriva a 63-66 chiudendo qui un parziale di 19-2 in favore dei Texani. Da qui in poi buio totale, con Utah che allunga con le triple di Johnson e Ingles e qualche canestro di Gobert. Termina 81-97 con gli ultimi 2 minuti di garbage time, dove entrano anche Brussino e Acy.

rudygobertutahjazzvdallasmavericksmjbywmj3wzalPessima prestazione da parte di tutti che sembrano giocare ognuno per sè. Uniche prestazioni da segnalare sono quelle di Barnes con 14 punti e 6-13 al tiro, Matthews con 12 punti e 3-5 dalla lunga e Williams che sfiora la doppia doppia con 12 e 9 assist tirando 5-11 in totale. Serve molto di più per rialzarsi e battere i TrailBlazers e per cercare di lottare per un posto ai playoff. Se qualcosa non cambia, questa è una squadra che non raggiungerà nemmeno le 35 vittorie; unica statistica a cui ancora possiamo aggrapparci? 10 anni fa Dallas iniziava 0-4 la RS e la finiva con un ottimo 67-15: i protagonisti però sono altri e Nowitzki non aveva 38 anni. Appuntamento domani notte all’1:30 ora italiana per la partita all’American Airlines Center contro i Blazers di Lillard&Co.

I commenti sono chiusi.